• banner 2

Tweet

Destinare il tuo 5x1000 agli Amici della Terra è un modo semplice e gratuito per sostenere le nostre campagne.… https://t.co/WhsbRJlQ5x

Amici della Terra

Conferenza presentazione Atlante Mammiferi Riserva Lago Tarsia

Mercoledi 24 maggio 2017 - ore 11,00.
Centro Visitatori Riserve - Tarsia (Cs)

Mercoledì 24 maggio, con inizio alle ore 11,00, presso la Sala Conferenze del Centro Visitatori delle Riserve del lago di Tarsia e della Foce del Crati, sito in Palazzo Rossi, Via Garibaldi – Tarsia (Cs), si terrà la Conferenza di presentazione dei risultati del Progetto Atlante dei Mammiferi Terrestri della Riserva naturale regionale del Lago di Tarsia – Stato delle conoscenze ed indicazioni per la gestione e la conservazione”.

Il presente lavoro, promosso dall’Ente gestore delle Riserve (Amici della Terra Italia) e realizzato grazie al contributo economico del Dipartimento Ambiente della Regione Calabria, si è prefisso lo scopo di avviare uno studio sui mammiferi terrestri della Riserva naturale regionale del Lago di Tarsia, al fine di acquisire lo stato delle conoscenze e, nello stesso tempo, promuovere azioni per la gestione e la conservazione di questa importante componente della biodiversità faunistica dell’area protetta.

Sì alla priorità per l'efficienza rispetto alle rinnovabili

Comunicato, Roma - 16/03/2017

Gli Amici della Terra sono molto felici delle dichiarazioni che ieri il ministro Calenda ha fatto in conclusione del convegno “Going to G7 Energy” in base alle quali gli obiettivi di riduzione delle emissioni si dovranno raggiungere dando priorità all'efficienza energetica più che incentivando le rinnovabili e su questa linea appoggiano il Ministro.

Rifiuti: l'Umbria si allinea alle Regioni inadempienti e ai paesi più arretrati.

Gli Amici della Terra daranno il loro contributo per l'aggiornamento del Piano dei rifiuti.

COMUNICATO STAMPA - Roma, 15/04/2017

“Prima ad Orvieto, ora a Gubbio. Anziché chiudere le discariche e cominciare a recuperare materiali ed energia, si pensa ad ampliarle. Le discariche hanno un grande impatto ambientale, sono tra i più importanti produttori di gas ad effetto serra (metano ed anidride carbonica), emettono sostanze tossiche nel suolo, nelle acque e nell’aria, sia quando sono in esercizio, sia per diversi secoli dopo la chiusura.  Costituiscono un grande danno per l'ambiente e per l'economia”, questa la dichiarazione della presidente nazionale degli Amici della Terra Monica Tommasi.

I Sospetti D’inquinamento Radioattivo, Le Specificita’ Geologiche delle Coste e il Monitoraggio Straordinario Disposto dal Presidente dell’ANPA del Ministero dell’ambiente nel 1996

di Mario Pileggi*

I dati delle misure effettuate nelle scorse settimane dall’Arpacal dimostrano l’infondatezza dei sospetti di inquinamento radioattivo, su uno dei tratti più noti della costa jonica della Calabria, sorti dopo i tre servizi del programma televisivo “Le Iene”.

Per dissipare i sospetti diffusi ovunque, anche attraverso i social, è necessario informare sulle reali condizioni dello stato di salute del mare e delle spiagge non solo di Montauro e del Golfo di Squillace ma di tutti i 716 Km di coste della regione. Nell’interesse della Calabria e dell’intero BelPaese, s’impone la necessità di informare con dati certi e verificabili sull’intero patrimonio costiero regionale. Un patrimonio di terre e acque ricche di minerali e sostanze che, tra l’altro, alimentano una grande varietà di vegetali e animali e anche di quei preziosi prodotti enogastronomici presi in considerazione dal New York Times per iinserire la Calabria tra i luoghi da visitare nel 2017.

Più flessibilità negli obiettivi 2030 per l’efficienza energetica per i Paesi più virtuosi come l’Italia

Comunicato, Roma - 22/03/2017

Intervenendo ad una audizione presso la X Commissione Industria del Senato sulla revisione della direttiva 2012/27/UE sull’efficienza energetica, la presidente degli Amici della Terra Monica Tommasi ha sostenuto che è necessario superare i limiti dell’impostazione UE delle politiche di promozione dell’efficienza energetica attraverso l’adozione di un nuovo approccio che faccia dell’efficienza energetica il perno delle politiche di ripresa economica.