Comunicato stampa 1 Marzo 2016

“Siamo invece contro il referendum sulle trivelle perché è un referendum sbagliato. Anche se vincesse il SI, il referendum non avrebbe alcun effetto positivo né formale né politico. Le attività di ricerca continuerebbero e, anche per il futuro, i grandi giacimenti oltre le 12 miglia continuerebbero ad essere sfruttati dagli altri paesi che si affacciano sul Mediterraneo. L’Italia, invece, vedrebbe aumentare le importazioni di petrolio, il traffico di petroliere nel Mediterraneo, le emissioni in atmosfera.

“Siamo da sempre favorevoli allo sviluppo delle fonti rinnovabili e quindi all’obiettivo europeo vincolante di portare la quota di consumo energetico da fonti rinnovabili almeno al 27% entro il 2030. Ma gli ambientalisti seri sanno che la transizione verso un futuro interamente rinnovabile è lunga e difficile. Anche raggiungendo l’obiettivo europeo, continueremo nel 2030 a consumare il 70% di combustibili fossili (principalmente gas, ma anche carbone e petrolio) e, se vincerà il referendum, saranno tutti fossili importati.

Oggi la situazione è quella in figura,  quasi l’80% dei consumi del paese proviene da fonte fossile.

“Rinunciare al gas e al petrolio di casa nostra vuol dire aumentare ancora le importazioni di queste risorse restando indifferenti al fatto che siano estratte in condizioni ambientali molto peggiori e con peggiori condizioni di lavoro.

Gli Amici della Terra credono che la vera sfida sia quella dell’efficienza energetica cioè quella di consumare meno mantenendo condizioni di benessere a casa nostra e favorendo lo sviluppo dei paesi svantaggiati. Ad esempio, sarebbe utile e necessario fare un salto tecnologico nell’ambito dei trasporti con le automobili elettriche o usare il gas naturale, invece che l’olio pesante, per i grandi trasporti su navi.

“Da ambientalisti ci preoccupiamo che il nostro benessere non provochi disastri e che i danni ambientali siano ridotti il più possibile. Questa preoccupazione ce l’abbiamo per tutti i paesi e per tutti i popoli del mondo. Non possiamo chiedere ad altri quello che non vogliamo fare a casa nostra”. 

[Tutte le informazioni alla pagina http://www.amicidellaterra.it/index.php/studi-e-attivita/un-referendum-sbagliato]

  • banner_astrolabio2_2020.png

Tweet

Amici della Terra

RT @Eurogas_Eu: 📢Good morning! This time tomorrow we'll be about to launch our 3rd Let's Meet! webinar: Pathways to Methane Emissions Reduc…

Amici della Terra

RT @LauraHarth: Pechino cerca il riconoscimento globale per i suoi sforzi ambientali e sostiene di promuovere lo "sviluppo verde". La Cina,…

 
  • copertina libro small

La raccolta degli scritti più significativi dell’esperienza ambientalista di Mario Signorino consente di ripercorrere oltre 40 anni di storia degli Amici della Terra, una delle prime associazioni ecologiste italiane, protagonista di una stagione di battaglie e di conquiste epocali, dall’opposizione al nucleare al completamento del sistema di governo dell’ambiente in Italia. Il filo conduttore della storia è la lotta per l’affermazione di una politica riformista per l’ambiente capace di superare gli storici divari del Paese e di realizzare davvero uno sviluppo sostenibile responsabile verso il pianeta, i suoi abitanti e il suo futuro.

 

Info e vendita